Zona a Regolamento Specifico “Alto Serchio”


La zona regolamento specifico Turrite Cava” (d’ora in poi ZRS Turrite Cava) è istituita ai sensi dell’art. 4 bis della L.R. N° 7/05 e dell’art. 9 del Regolamento approvato con D.P.G.R. n° 6/r/ del 7 febbraio 2018 ed intende contribuire in una ottica di promozione dei valori della pesca a promuovere la conoscenza del territorio circostante con ricadute positive anche in termini di turismo alieutico e di valorizzazione dei territori.

All’interno della “ZRS Turrite Cava” l’attività di pesca attraverso il divieto di prelievo di fauna ittica viene resa perfettamente compatibile con le risorse ambientali presenti nel bacino del torrente Turrite Cava;

In tale prospettiva l’accesso alla “ZRS Turrite Cava” è riservato a pescatori per i quali il prelievo di fauna ittica non rappresenti la finalizzazione della attività di pesca.

In questa prospettiva la “ZRS Turrite Cava” sarà esclusivamente regolamentata come Zona a prelievo interdetto detta anche zona no kill.

Il Comune di Fabbriche Di Vergemoli è individuato quale Ente gestore della ZRS Turrite Cava ai sensi dell’art. 4 bis della L.R. N° 7/05.

Periodo di pesca

Ultima domenica di febbraio fino al 30 novembre

Giorno di chiusura Mercoledì

 

Art. 2
 – Delimitazione

La “ZRS Turrite Cava” ricade per intero dei limiti territoriali del Comune di Fabbbriche Di Vergemoli ed è così delimitata:

All’interno della delimitazione di cui sopra sono individuati tratti sottoposti a diversa regolamentazione aventi carattere sperimentale secondo il seguente schema:

1°Tratto di circa 1,7Km: NK 1

Limite superiore o “a monte”

Limite inferiore o “a valle”

Confluenza nella Turrite Cava dell’affluente Focchiese comunemente denominato “Forcelli”

Cascata appena sotto l’abitato di Turrite Cava comunemente donomitata “Presa centralina Sevas , ex-centralina Salani”

2°Tratto 1,1Km: NK2

Limite superiore o “a monte”

Limite inferiore o “a valle”

Ponte provinciale sopra ex Cartiera Giulianelli nei pressi della presa centralina idroelettrica.

Vecchio Ponte su strada comunale per Motrone nei pressi della Cartiera del Borgo.

La ZRS Turrite Cava è opportunamente delimitata da tabelle aventi le caratteristiche di cui all’art. 8 della L.R. N° 7/05 e art. 9) comma 5) del D.P.G.R. n° 6/r/ del 7 febbraio 2018 e riportanti perciò la seguente dicitura:

Zona a Regolamento Specifico – Pesca consentita agli autorizzati

La ZRS Turrite cava è delimitata da tabelle aventi le caratteristiche di cui all’art. 9) del DPGRT n° 54/r/2002 e riportanti tra l’altro la dicitura prevista dall’art. 10) comma 6) del medesimo provvedimento.
Ulteriori indicazioni sono presenti per rendere agevole il riconoscimento dei tratti soggetti a diversa regolamentazione.

Art.3
 – Accessi e regolamentazione

1. Al fine di consentire un controllo degli accessi e una salvaguardia degli equilibri ambientali di cui al precedente art. 1) coloro che intendono esercitare l’attività di pesca all’interno della “Turrite cava ” oltre al possesso della Licenza di Pesca di cui all’art. 15 della LRT n° 7/05 debbono munirsi di un apposito tesserino di accesso opportunamente diversificato.

2. L’accesso alla “ZRS TURRITE CAVA ” avviene secondo distinte modalità a seconda dei tratti prescelti nel rispetto delle disposizioni regolamentari seguenti:

3. Per accedere alla riserva e’ obbligatorio iscriversi all’associazione il costo e’ di 8,00 euro annuo.

B) Tratto per la pesca  a mosca con coda di topo e Tenkara e con rilascio obbligatorio del pescato No kill
Il tesserino di accesso è personale e non cedibile ha validità giornaliera ed è utilizzabile per un singolo turno di pesca (Turno 1 o Turno 2) come sotto individuati.
E’ rilasciato dall’Ente Gestore anche nella forma di blocchetto – abbonamento fermo restando l’obbligo da parte del pescatore di ottenere il consenso alla frequentazione del tratto in un determinato turno di pesca nelle modalità che saranno fissate ed opportunamente pubblicizzate dall’Ente Gestore.
 Per ogni turno di pesca è previsto il pagamento di una quota di partecipazione determinata annualmente dall’Ente Gestore sino al controvalore massimo di € 12,00 (Euro dodici) avendo riguardo alla pianificazione delle spese di gestione.
Tutti i proventi derivanti dall’introito di dette quote debbono essere completamente reinvestiti nella diretta gestione della ZRS Turrite cava  e in eventuali strutture di riproduzione della fauna ittica gestite direttamente o a mezzo di convenzione dall’Ente Gestore e la cui produzione sia finalizzata al periodico reintegro delle popolazioni ittiche presenti nei tratti individuati quali limiti della ZRS Turrite cava  dal precedente art. 2). 
L’accesso a questo tratto è consentito per un numero massimo di 6 (sei) pescatori per ciascun turno di pesca. Al fine di consentire il rispetto di detta limitazione l’Ente Gestore provvede ad autorizzare l’accesso a questo tratto seguendo l’ordine cronologico di prenotazione con modalità individuate o di arrivo dei pescatori.
 I turni di pesca, per tutta la settimana compresi i festivi, nei periodi di pesca consentiti sono così stabiliti: 
Turno 1) dall’alba fino alle ore 13,00 – 
Turno 2) dalle ore 13,00 fino al tramonto. Durante la stagione di apertura della pesca è data la facoltà dell’Ente Gestore con proprio provvedimento motivato di vietare la pesca in questo tratto per un periodo non superiore a giorni 30 (trenta) durante la stagione esclusivamente in coincidenza con interventi di ripopolamento ittico, a seguito di periodi di magra protratti nel tempo o a seguito di altre pesanti turbative del corso d’acqua anche in coincidenza con particolari manovre delle opere idrauliche gestite da Enel Spa.
Tale provvedimento è trasmesso alla Provincia ed è oggetto di specifica divulgazione da parte dell’Ente Gestore.
Regolamentazione
In questo tratto è fatto obbligo di esercitare la pesca mediante l’utilizzo di sole esche artificiali, con un massimo di due, munite di un unico amo singolo privo di ardiglione o in cui l’ardiglione risulti opportunamente schiacciato sulla curva dell’amo medesimo in modo da non costituire intralcio alcuno alla operazione di slamatura dei soggetti catturati.
In questo tratto qualunque esemplare di fauna ittica catturato deve essere immediatamente liberato nelle acque del fiume procedendo alla slamatura con mano bagnata ed operando in modo da minimizzare lo stress indotto dalla operazione di cattura e slamatura dei singoli soggetti. In questo tratto è consentita la pesca a Tenkara.

Art.4 – 
Controllo dei tesserini di accesso

Il controllo dei tesserini di accesso e la loro elaborazione statistica consente di disporre di una serie di dati indispensabili per le operazioni legate alla gestione della ZRS Turrite Cava 
L’Ente Gestore predispone apposite modalità di raccolta ed elaborazione dei dati relativi alla frequentazione della ZRS Turrite Cava nonché dei prelievi effettuati dai pescatori nei tratti ove ciò è concesso.
A tal scopo l’Ente Gestore provvede a munirsi della necessaria autorizzazione al trattamento dei dati da parte dei soggetti che accedono alla ZRS Turrite Cava nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali.

Art. 5
 – Ripopolamenti

Gli interventi di ripopolamento sono curati direttamente dall’Ente Gestore in collaborazione con la Provincia nel rispetto della vocazionalità e della capacità biogenica del corso d’acqua valutando periodicamente anche con apposite indagine ittiologiche la consistenza degli stock ittici presenti nel corpo idrico.
Tutto il materiale destinato alle immissioni deve essere sottoposto a preventiva visita veterinaria da parte del competente Servizio Veterinario della Ausl n° 2 anche nel caso che il fornitore produca una certificazione rilasciata da una Ausl diversa da quella territorialmente competente.
Il materiale destinato alle immissioni dovrà provenire esclusivamente da allevamenti e zone riconosciuti ai sensi del DPR 555/92.

Art. 6 – 
Sorveglianza e Sanzioni

Sono incaricati del controllo sul rispetto delle disposizioni del presente regolamento i soggetti di cui all’art. 20 della L.R. n° 7/05 nonché i soggetti in possesso della qualifica di “Guardia Ambientale Volontaria” (GAV) ai sensi della normativa vigente in Regione Toscana.
In caso di violazioni alle disposizioni del presente Regolamento si applicano in quanto compatibili le sanzioni previste dall’art. 19 della L.R. n° 7/05.

Art. 7
 – Norma finale

I tesserini di Accesso alla ZRS Turrite cava  sono predisposti a cura dell’Ente Gestore che provvede altresì alla adeguata tabellazione dei vari tratti usufruendo dei fondi derivanti dai corrispettivi delle quote di partecipazione di cui al precedente art. 3).
Periodicamente in occasione delle eventuali richieste di proroga della ZRS Turrite cava o comunque dietro richiesta scritta della Provincia l’Ente Gestore provvede a fornire una dettagliata rendicontazione degli accessi alla ZRS delle immissioni ed indagini ittiologiche effettuate nonché uno specifico rendiconto operativo e contabile della utilizzazione delle risorse derivanti dai corrispettivi delle quote di partecipazione richieste ai pescatori.
Al presente Regolamento deve essere data la massima pubblicità anche per estratto e copia delle norme più rilevanti per l’esercizio della pesca all’interno della ZRS Turrite cava deve essere fornita a tutti i soggetti che accedono alla zona stessa.
Per tutto quanto non espressamente previsto nella presente Convenzione – Regolamento di Gestione si applicano le norme contenute nella L.R. n° 7 del 3 Gennaio 2005 nonché del DPGR n° 54/r del 22/08/2005